sabato 18 marzo 2017

Il castello di Milazzo

CASTELLO DI MILAZZO



Introduzione

In Sicilia esistono diverse tipologie di castelli, costruiti in diverse epoche storiche o ampliati e modificati dalle dominazioni successive.
Abbiamo già visto il castello di Montalbano Elicona, cittadina sita sui monti Nebrodi, in provincia di Messina.
In questo post parleremo del castello di Milazzo, il più grande castello della Sicilia.
Milazzo è una delle più importanti città della provincia di Messina, sita sulla costa nord-orientale della Sicilia, rappresenta un importante porto di collegamento con le Isole Eolie.

Cenni storici

Il castello sorge su un altopiano già luogo di precedenti insediamenti abitativi dei greci e poi di romani, bizantini e musulmani.
Si estende per oltre sette ettari di superficie con circa quattordicimila metri quadri di superficie coperta.

Il Mastio, ossia l'edificio dominante, fu eretto tra l'XI e il XII secolo dai Normanni e poi ampliato dagli Svevi.
Con l'arrivo degli Svevi e soprattutto grazie alla costante presenza di Federico II in Sicilia, l'isola crebbe in cultura e in strutture militari; così anche Milazzo con il suo castello si affermò come avamposto militare con la costruzione della prima cinta muraria.

Con l'avvento degli Aragonesi, avvenuto nella seconda metà del '400, il castello venne adeguato alle nuove necessità di battaglia con la costruzione della seconda cinta muraria per difendere meglio la fortezza dalle nuove armi da fuoco.

Nel '500 la dominazione spagnola accrebbe la propria importanza militare nel Mediterraneo e anche il castello divenne ancora più importante nelle strategie militari degli Spagnoli, i quali costruirono la terza cinta muraria che racchiude il vecchio abitato medievale.

Tra il '600 e il '700 all'interno della cittadella vi erano il Duomo, il Palazzo dei Giurati (casa de la Ciudad) e altri palazzi privati.
La cinta muraria spagnola sovrasta la città di Milazzo mostrando due rivellini e due bastioni:

  • bastione di Santa Maria;
  • bastione delle isole.

Successivamente vi furono gli Austriaci, i Borboni di Napoli e gli Inglesi, ma il complesso non ha subito importanti trasformazioni.
Dal 1880 al 1959, in gran parte sotto il regno dei Savoia, il castello è stato adibito a carcere; in questo periodo sono state apportate importanti modifiche che hanno alterato la struttura originaria.

Il castello

L’ingresso del castello si trova nella parte bassa della cittadella fortificata attraverso l'imponente cinta spagnola e sotto il baluardo di Santa Maria.

Della chiesa, costruita nel 1527 e abbattuta nel 1568 per costruire il bastione, rimangono alcune strutture tra cui l'arco di trionfo.

L'ingresso veniva chiamato delle tre porte poiché questo era il numero delle porte che chiudevano l'accesso al castello dopo il ponte levatoio.
La prima porta risale alla fine del '700; la porta successiva, quella che si apre nelle alte mura, ospitava il ponte levatoio.
In alto vi sono delle caditoie o piombatoi che servivano per il getto di materiali in difesa e contro gli assalitori.
La cinta muraria spagnola si estende da sud-ovest a nord-ovest con gli imponenti bastioni di Santa Maria e delle isole. La costruzione di questa cinta muraria venne iniziata nel 1529 dall'imperatore Carlo V di Spagna e dal vicerè di Sicilia il duca Ettore Pignatelli e ultimata nel 1575.
La cinta si compone di due robuste muraglie parallele unite da una grande volta a botte.
All'interno furono ricavate cisterne, magazzini, stalle, carceri e accessi per passaggi sotterranei.
Quest'opera rappresenta l'esempio più importante delle fortificazioni in Sicilia grazie alla presenza dei merloni, piombatoi, casematte per il basso e il tiro incrociato dei cannoni.


I Castelli

Filippo Puglia


Filippo Puglia
Sono nato a San Giorgio di Gioiosa Marea in provincia di Messina; un piccolo borgo situato sulla costa tirrenica della Sicilia nord-orientale, di fronte all’arcipelago delle isole Eolie.
Mi occupo di design e scenografia e sono un appassionato e studioso di arte, architettura, letteratura e teatro.

















 Aiutatemi nella ricerca
con una donazione libera.
Grazie
 




Consulente Forever 
Incaricato indipendente FLP
ID:

per info contatto
 
infoforeverfp@gmail.com
 

Nessun commento:

Posta un commento

Cari amici lasciate un vostro commento, affinché possa crescere e confrontarmi con voi. Grazie