martedì 25 luglio 2017

Il Duomo di Cefalù: descrizione

 
ARCHITETTURA ARABO NORMANNA



Duomo di Cefalù

Introduzione

Il nostro viaggio dentro l’architettura Arabo Normanna continua con l’analisi del Duomo di Cefalù, importante opera di architettura inserita nel percorso dell’Unesco.
Dopo aver conosciuto il Duomo dal punto di vista storico, andiamo a conoscere la struttura dal punto di vista architettonico con la descrizione dell'edificio.


Descrizione Architettonica

Interno

La Cattedrale è a pianta basilicale a croce latina costituita da tre navate e tre absidi con transetto sporgente.
Le tre navate hanno una copertura lignea a capriate.
Le travi sono dipinte con motivi decorativi, con animali fantastici e busti: opere di maestranze arabe.
Le navate sono separate da una serie di archi poggianti su alti piedritti con doppia ghiera; sono sostenuti da 16 colonne monolitiche delle quali quattordici in granito rosa e due in cipollino.
Le colonne sono poste su di un basamento e presentano dei capitelli con figurazioni e intagli. Tutto l’insieme della colonna (basamento, busto e capitello) sono di epoca romana (probabilmente del II secolo d.C.).
Nella navata centrale, l’arco trionfale è affiancato da colonne con capitelli figurati di stile arabo;
l’arco dà l’accesso al transetto e rispetto all’originario progetto normanno è stato ribassato con l’introduzione di un contro-arco , riducendo l’opera a modeste proporzioni.
L’interno, inoltre, si mostra altissimo e imponente presentando le navate suddivise da una coppia di sette arcate a sesto acuto, ampie e slanciate in modo da dare la sensazione della fusione dello spazio interno.
Il presbiterio absidato termina con la splendida decorazione musiva e si presenta molto profondo con i pastofori notevolmente sviluppati.
In origine, nel presbiterio vi erano il trono regale sulla sinistra e il seggio episcopale sulla destra, posti l’uno di fronte all’altro; delle quali rimangono solo due lastre decorate a mosaico con le scritte:

  • sedes regia;
  • sedes episcopalis.

Le navate laterali terminano, anch’esse, con i rispettivi absidi, di dimensioni ridotte rispetto a quello centrale.
Osservando l’altare:

  • l’abside di destra è detto Diaconico;
  • l’abside di sinistra è detto Protesis.

Il Diaconico è il luogo della custodia degli arredi sacri.
La Protesis è il luogo di preparazione delle oblate, del pane e del vino per la celebrazione eucaristica.
La Protesis è adibita a cappella e dedicata al Santissimo Sacramento, ornata con decorazione a stucco neoclassica.
L’altare d’argento risale al XVIII secolo ed è opera di artigiani palermitani.
La modifica del progetto originario, che prevedeva una navata più alta rispetto all’attuale, evidenzia la differenza e l’autonomia tra il transetto e le navate: i quali sono stati costruiti in contemporanea e in autonomia.
Inoltre l’indipendenza tra la struttura muraria e l’apparato musivo è evidente, infatti sembra che quest’ultimo risalga al 1145, quando Ruggero II decise di trasformare la Cattedrale in Mausoleo, chiamando dei maestri bizantini di formazione costantinopolitana.

Esterno

All’esterno l’edifico presenta un aspetto severo e compatto, con la facciata chiusa dalle due torri angolari a base quadrata. Le due torri presentano delle feritoie scandite da tre ordini di apertura, tra le quali vi è un ampio portico a tre fornici sostenuti da massicce colonne in granito.
La facciata è costituita da un doppio ordine di arcate con una elegante decorazione a bastoni spezzati di provenienza nord-europea; risaltata da un monumentale portale in pietra (la porta Regum).
Il portale è marcato da cinque ghiere scolpite con motivi decorativi classici e islamici.
La struttura architettonica è preceduta da un vasto sagrato e da una grande scalinata che levano l’edificio rispetto alla piazza.

Le fotografie sono scaricate dal web


Architettura Arabo Normanna
Link:

Studio di Filippo Puglia
Filippo Puglia
Sono nato a San Giorgio di Gioiosa Marea in provincia di Messina; un piccolo borgo situato sulla costa tirrenica della Sicilia nord-orientale, di fronte all’arcipelago delle isole Eolie.
Mi occupo di design e scenografia e sono un appassionato e studioso di arte, architettura, letteratura e teatro.








Aiutatemi a crescere
con una donazione libera. 
Grazie




Consulente Forever 
Incaricato indipendente FLP
ID:
Puoi vedere i nostri prodotti e acquistarli direttamente
cliccando sul seguente link:
Filippo Puglia
info contatto
infoforeverfp@gmail.com

2 commenti:

Cari amici lasciate un vostro commento, affinché possa crescere e confrontarmi con voi. Grazie